Sinistra Svegliati

by admin 1 on 29 novembre 2008

in documenti

riceviamo dalla Professoressa Margherita Hack

Il geniale venditore di fumo che ci governa è riuscito non solo a fare il lavaggio del cervello a metà degli italiani, ma anche , come un abile incantatore di serpenti, ad assopire sinistra e centrosinistra; l’unico immune al suono del piffero berlusconiano sembra sia rimasto Di Pietro.

E’ ora che la sinistra, tutta la sinistra, da Rifondazione all’Italia dei valori  metta da parte personalismi e divergenze ideologiche per combattere una classe politica arrogante e ignorante, pronta a calpestare la Costituzione per favorire gli interessi loro e del loro padrone. E’ pura utopia pensare a decisioni “bipartisan”, a bicamerali per riforme condivise della Costituzione, con persone che non hanno rispetto della legge, rispetto degli avversari politici, conoscenza di cosa vuol dire democrazia.
I danni che questo governo sta procurando al paese sono enormi; è facile distruggere, più difficile ricostruire. Tutta l’opposizione deve essere compatta per impedire la regressione dell’Italia a più di mezzo secolo fa.

Occorre opporsi ai tagli alla scuola e all’università e favorire l’istruzione per i giovani delle classi meno abbienti, eliminando finanziamenti- anticostituzionali- alle scuole private, rendendo obbligatoria l’istruzione fino a 18 anni, utilizzando gli stessi testi per più anni e rifornendo adeguatamente le biblioteche scolastiche così da  tagliare  le spese per l’acquisto dei libri,  e stroncare un mercato che è diventato una fonte di sfruttamento insopportabile per le famiglie. Occorre incrementare la costruzione di residenze per gli studenti universitari fuori sede  e impedire la prolificazione di piccole università o succursali di grandi università senza laboratori, senza docenti residenti e concentrare i finanziamenti sulle “vere” università: portare gli studenti alle  università e non le università agli studenti.

Occorre rivitalizzare la ricerca universitaria, riaprendo i concorsi per ricercatore, concorsi che dovrebbero essere basati sulla valutazione dei titoli  piuttosto che sui soliti esami, e   solo su titoli oggettivamente valutabili, come pubblicazioni accettate per la pubblicazione  su riviste di rilevanza internazionale, in cui ogni articolo è soggetto  al giudizio di uno o più referee anonimi. Occorre anche facilitare l’accesso alle carriere scientifiche di giovani non abbienti, aumentando il numero di borse di studio.

A questo scopo però è necessaria una seria lotta contro l’evasione fiscale, per evitare che le borse vadano quasi sempre ai figli di lavoratori autonomi e raramente a quelli di lavoratori dipendenti. Un efficiente metodo per impedire l’evasione fiscale da parte dei lavoratori autonomi è quella  di permettere al contribuente di poter dedurre dalle tasse tutte le spese necessarie documentate; così tutti avranno il coraggio di pretendere la fattura dall’idraulico o dal carrozziere o dal dentista o dal famoso specialista. Occorre incoraggiare le industrie private a fare più ricerca, detassando  gli investimenti; insomma occorrono tutta una serie di provvedimenti per sviluppare la ricerca sia pubblica che privata, che è fondamentale per rendere competitivo il nostro paese.

Occorre combattere i vergognosi rigurgiti di fascismo, razzismo, antisemitismo e più in generale contro i deboli o i diversi. Sono comportamenti criminali che non si possono e non si devono catalogare semplicemente come “ragazzate”.
La sinistra, tutta la sinistra unita deve battersi per moralizzare la vita sociale e politica di questo paese. I comportamenti razzisti della Lega, il disprezzo della costituzione e della legge da parte di Berlusconi e dei suoi seguaci  sono stati deleteri per un paese come il nostro, in cui il senso dello stato, il rispetto della cosa pubblica  non è mai stato troppo sentito.

Il berlusconismo non è una dittatura ma non è nemmeno una democrazia. Si elude la legge a proprio vantaggio non  utilizzando la violenza dei manganelli e dell’olio di ricino, ma mezzi più subdoli  e convincenti, come le continue ripetute bugie, il martellamento televisivo di false notizie o notizie manipolate. E’ ora che tutta l’opposizione unita faccia valere la propria forza e volontà di cancellare quel paradossale conflitto d’interesse rappresentato da un primo ministro padrone di tre canali televisivi e  in grado di pesantemente condizionare la televisione pubblica. Per non parlare dello scandalo di una disattesa sentenza della corte  costituzionale del 2004 che autorizzava Europa  7 a utilizzare le frequenze abusivamente occupate da Rete 4, e che  abusivamente continua a occupare dopo quattro anni in barba a tutte le sentenze. Credo che fra i paesi civili solo in Italia possano succedere certe cose.

Infine vorrei che la sinistra unita rivendicasse la laicità dello stato, e liberasse l’Italia dalle pesanti ingerenze vaticane battendosi per ottenere  il riconoscimento alle coppie di fatto, che siano etero o omosessuali, gli stessi diritti delle coppie “ufficiali” ;  per  cancellare leggi assurde come la legge 40 sulla fecondazone assistita  che fra l’altro vieta la ricerca sulle cellule staminali embrionali;  per  varare una civilissima legge quale quella sul testamento biologico, che lasci ad ogni cittadino- quando è ancora in possesso delle sue facoltà mentali, la libertà di decidere se essere sottoposto o meno all’accanimento terapeutico ; e infine che sia data,  a chi non se la sente di accettare come dono di Dio, in cui magari non crede, una vita diventata insopportabile, la libertà di morire.

Margherita Hack, astrofisica

Related Posts

  • E’ morta Margherita Hack29 giugno 2013 E’ morta Margherita Hack (0)
     E' morta Margherita Hack, donna diventata famosa nel mondo per i suoi studi e le sue scoperte nel campo dell'astrofisica. Da vera scienziata, non ha mai perso di vista non solo le stelle, […]
  • Quei comunisti del Manifesto14 maggio 2012 Quei comunisti del Manifesto (0)
    Abbiamo ben altri problemi, di questi tempi, che la chiusura di un quotidiano, seppure un quotidiano “storico” come Il Manifesto. Crisi, suicidi, spread, tensione sociale. Cosa […]
  • Napoli, riaccendere la speranza2 dicembre 2010 Napoli, riaccendere la speranza (3)
    Riceviamo e pubblichiamo di Giulio Riccio assessore alle politiche sociali del comune di Napoli Le primarie servono a riaccendere una speranza a Napoli e, mai come ora ce n'è […]
Print

Leave a Comment

You must be logged in to post a
video comment.

Next post: